Skip to content Skip to footer
"Saldare il cielo con la terra"

Saldare il cielo con la terra. Il percorso che ha portato alla Fraternità San Damiano può essere riassunto con questo slogan. È nata dall’incontro tra il Gruppo San Damiano, impegnato dal 1977 a studiare a proporre progetti di Cittadinanza Attiva con una particolare attenzione ai temi sociali.
Padre Claudio, fondatore del Gruppo San Damiano, oggi tiene unite due realtà: Fraternità San Damiano e Eremo di Cerbaiolo insieme a tanti uomini e donne che condividono “quella fame e sete di giustizia, che è prerogativa del Regno e fondamento della democrazia.

"Soprattutto siate capaci di sentire nel più profondo di voi stessi qualsiasi ingiustizia commessa contro qualsiasi persona, in qualunque parte del mondo!"
Associazione
Gruppo San Damiano
Chi Siamo
L’Associazione Gruppo San Damiano – O.N.L.U.S – è un’Associazione di Volontariato e Servizio Sociale.

Nacque a Santarcangelo di Romagna nel 1997 per rispondere alle richieste emerse nel territorio di Rimini Nord e Comuni della Valmarecchia, occupandosi della Prevenzione del disagio e lotta all’esclusione sociale e del sostegno alle situazioni più problematiche. In questi anni ha maturò esperienze nell’ambito educativo realizzando Progetti ed interventi dedicati in modo specifico a bambini, adolescenti e giovani, mediante attività espressive, artistiche e comunicative, rivolte alla socializzazione e alla valorizzazione delle capacità e potenzialità della persona. Organizza eventi di informazione e formazione tesi alla costruzione della “ Cittadinanza attiva “, ovvero alla partecipazione consapevole dei cittadini nel prendersi cura della propria città.

Come metodologia si ispirò alla filosofia di “ Progetto Uomo “ del Centro Italiano di Solidarietà di don Mario Picchi e al Gruppo Abele di Don Luigi Ciotti.
L’Associazione Gruppo San Damiano era composta da operatori professionisti, educatori e volontari qualificati.
Fra i soci onorari annoverò il Cardinale Ersilio Tonini, il Maestro Riccardo Muti, la Signora Cristina Mazzavillani Muti e Don Luigi Ciotti. E’ stato membro della “ Consulta del Volontariato del Comune di Santarcangelo di Romagna. E’ stata iscritta all’Albo Regionale del Volontariato ed è stata socia di “ Volontarimini “. Ha aderito a Libera, Associazioni nomi e numeri contro le mafie di Don Luigi Ciotti ed è stata membra della Tavola della Pace di Assisi e del Convio dei popoli di riccione.

Ha collaborato con l’A.U.S.L di Rimini, le Direzioni Didattiche, i Comuni, Enti ed Associazioni presenti sul territorio per contribuire al raggiungimento di obiettivi comuni.

A tal fine, l’Associazione, è stata in stretto contatto con il Coordinamento Assistenti Sociali con sede in Santarcangelo di Romagna e gli insegnanti delle Scuole che hanno partecipato ai Progetti.

Risorse

Le risorse che la Fraternità San Damiano ha a disposizione per raggiungere gli obiettivi che si è posta sono soprattutto le donne e gli uomini della città di Ravenna e del suo territorio, chiunque essi siano: credenti, non credenti e diversamente credenti purché consapevoli che per dare un senso alla propria vita occorre essere persone che cercano.

RAPPORTO CON LA COMUNITÀ CAMALDOLESE

Ravenna ha un rapporto vitale con la spiritualità Camaldolese, in quanto città natale dei Santi Romualdo e Pier Damiani. La millenaria sapienza monastica ha tanto da dire alla nostra società e all’uomo contemporaneo per recuperare quella qualità della vita che lo riequilibra ed unifica con la creazione, con se stesso, con gli altri e con Dio. In concreto si potrebbero organizzare corsi, prevalentemente nei fine settimana, di una/due volte al mese, in cui si vivano momenti esperienziali e di formazione tenuti dai monaci sui seguenti temi:
"Un luogo dove scegliere i nostri compagni di viaggio"

Le città diventano sempre più luoghi in cui la gente vive solitudine, ritmi frenetici che inghiottono sogni, speranze, mete. Città che omologano, creano bisogni per ucciderli immediatamente e fabbricarne degli altri.

Credo ci sia necessità di una “Tenda” dentro la città degli uomini. Un luogo dove riscoprire il senso del nostro essere in cammino, un luogo da abitare come cercatori dell’ Assoluto, uno spazio dove dare cittadinanza alle domande che da sempre e in maniera autentica albergano nell’ animo umano.

Una Tenda dove darsi il tempo di essere in ascolto, dove riprendere la consapevolezza dei gesti semplici e quotidiani e riscoprire l’attenzione ai dettagli che è poi vivere dentro la realtà.

Una Tenda in cui Dio e l’uomo possano incontrarsi, narrarsi, abbracciarsi e riprendere il cammino.
Un luogo dove ogni viandante dell’Esistere possa trovare un pezzo di pane, un pò di affetto ed un posto dove sentirsi a casa.

Una Tenda che richiami i valori della minorità francescana, come proposta evangelica alternativa al sistema dominante.

Le città diventano sempre più luoghi in cui la gente vive solitudine, ritmi frenetici che inghiottono sogni, speranze, mete. Città che omologano, creano bisogni per ucciderli immediatamente e fabbricarne degli altri.

Credo ci sia necessità di una “Tenda” dentro la città degli uomini. Un luogo dove riscoprire il senso del nostro essere in cammino, un luogo da abitare come cercatori dell’ Assoluto, uno spazio dove dare cittadinanza alle domande che da sempre e in maniera autentica albergano nell’ animo umano.

Una Tenda dove darsi il tempo di essere in ascolto, dove riprendere la consapevolezza dei gesti semplici e quotidiani e riscoprire l’attenzione ai dettagli che è poi vivere dentro la realtà.

Una Tenda in cui Dio e l’uomo possano incontrarsi, narrarsi, abbracciarsi e riprendere il cammino.
Un luogo dove ogni viandante dell’Esistere possa trovare un pezzo di pane, un pò di affetto ed un posto dove sentirsi a casa.

Una Tenda che richiami i valori della minorità francescana, come proposta evangelica alternativa al sistema dominante.